6 Nations Femminile: Shade Munro, “il nostro obiettivo adesso è chiudere con due vittorie”

Alba Ovale – 2016

The Twickenham Stoop (Londra) – “L’Inghilterra è una squadra eccezionale e hanno dimostrato come sanno giocare bene. Se contro di loro, in ogni momento, hai un attimo di debolezza, vieni punito. Sono veloci in tutto, esecuzione, passaggi, nel tornare ad allinearsi in difesa, sono sempre state migliori di noi in questi aspetti e per questo ci hanno reso la vita molto complicata in difesa.

Shade Munro, head coach della Scozia, analizza serenamente la gara contro le Red Roses nell’immediato post-partita, un match dove, al di là del risultato (pesante, va detto) per la Scozia ci sono state anche note positive. Come abbiamo già discusso in fase di commento della gara, la partita dello Stoop è uno dei rari esempi in cui la squadra che esce dal campo con zero punti e un bel po’ al passivo non ha assolutamente meritato un risultato simile. Ovviamente, sarebbe assurdo dire che la Scozia non ha commesso qualche errore; semplicemente, al momento, il divario con una delle Nazionali più forti al mondo è ancora molto ampio.

Nell’intervallo ci siamo parlati e ci siamo detti di tornare in campo con un atteggiamento diverso e le differenze si sono viste; almeno siamo riuscite a mettere l’Inghilterra in difficoltà, per qualche fase, siamo riusciti ad eseguire parte del game-plan che avevamo studiato e siamo anche stati sfortunati con la meta che ci è stata annullata, di cui, francamente, non ho capito il perchè… È una giornata pesante, ma da cui dobbiamo essere capaci di imparare per crescere ancora.

La differenza più grande, però, tra le due squadre è apparsa a livello fisico; le inglesi, infatti, riuscivano sempre ad andare oltre la linea della difesa scozzese, bucando spesso i placcaggi ed eludendo anche gli interventi delle avversarie che non riuscivano a fermare lo strapotere fisico delle Bianche.

Da quando abbiamo cominciato col mio staff, un anno e mezzo fa, abbiamo l’obiettivo di far crescere le ragazze dal punto di vista della fisicità. È un lungo percorso, le ragazze stanno lavorando molto duramente in allenamento e attraverso il percorso tracciato dalla BT Academy, ma non sono atlete a tempo pieno e questo limita il lavoro che possono fare, perchè non possono dedicare tutto il tempo necessario solo all’esercizio fisico. Stanno migliorando e la differenza si vede solo quando affronti squadre che sono passate ad un livello superiore dal punto di vista della preparazione fisica, è lì dove si vede la differenza maggiore.

Nonostante il risultato sia praticamente lo stesso, come è maturato è diverso, se paragonato alla sfida di La Rochelle contro la Francia: “Condivido, ce lo siamo detti anche al termine di questa gara; almeno siamo riusciti, contro l’Inghilterra, a costringere a marcare mete alla bandierina, mentre in Francia ci siamo arrese senza combattere. È stata una performance migliore, sicuramente, soprattutto nel secondo tempo.

Venerdì a Cumbernauld la Scozia ospita l’Italia nell’ultimo turno del Women’s 6 Nations; un eventuale successo sulle Azzurre – una squadra da prendere, però, assolutamente con le molle perchè hanno dimostrato il loro valore anche quest’anno – regalerebbe alla Scozia un’edizione da incorniciare, la migliore in assoluto dopo la riforma.

Dopo la brutta sconfitta in Francia, ci siamo ritrovate in allenamento, abbiamo recuperato e contro il Galles abbiamo fatto bene. Mi aspetto che sia così anche stavolta, voglio vedere una risposta dal punto di vista mentale a questa sconfitta. Abbiamo in mente il game-plan da utilizzare contro l’Italia, loro non sono al livello dell’Inghilterra ma sono una buona squadra che contro le inglesi ha giocato molto bene. Sarà una grande sfida per noi, ma una sfida che vogliamo affrontare. Non abbiamo paura, non vediamo l’ora che arrivi l’ultima gara del Torneo perchè vogliamo giocarla. Se dovessimo prenderci la vittoria contro l’Italia, sarebbe il miglior 6 Nations di sempre, da quando il Torneo è diventato a sei squadre in questo formato. Come detto, però, dobbiamo vincerla, quella partita; finora abbiamo ottenuto un successo di un punto, gran risultato perchè arrivava dopo sette anni ma adesso vogliamo di più. Il nostro obiettivo, adesso, è chiudere il Torneo con due vittorie.

Le Azzurre sono avvisate. Al Broadwood Stadium, venerdì sera, si troveranno di fronte una Scozia determinata a fare benissimo e con tanta voglia di riscatto.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s