6 Nations: Il Galles batte l’Irlanda – e regala un match-point clamoroso all’Inghilterra

Credit: Jason O’Callaghan

Il Galles torna a sorridere e, sotto il tetto chiuso del Principality Stadium, sconfigge l’Irlanda al termine di una vera e propria battaglia.

I Dragoni, che finora hanno raccolto un solo successo (a Roma, senza bp) e due sconfitte ‘pesanti’, contro Inghilterra e Scozia, non potevano più permettersi passi falsi giocando davanti al proprio pubblico. A pagare lo scotto della riscossa gallese è l’Irlanda di Joe Schmidt, apparsa stasera un po’ appannata in fase offensiva e, soprattutto, spesso in difficoltà in difesa; quando i Dragoni hanno affondato, infatti, sono sempre riusciti ad andare oltre la linea difensiva avversaria, guadagnando metri preziosi.

Nel primo tempo, molto equilibrato, la differenza la fa la (splendida) meta di George North, che chiude a modo suo una bellissima azione corale in velocità, e il giallo rimediato da Johnny Sexton al 38′ – per non essere rotolato via da un raggruppamento sui propri 5m.

L’Irlanda subisce 10 punti in inferiorità numerica, andando a riposo sotto 8-6 e trovandosi oltre il break al 44′ quando ancora North va a finalizzare l’offensiva gallese oltre la linea irlandese.

Halfpenny è perfetto e porta i suoi sul 15-6, poco prima che Sexton riporti i suoi sotto il break, sul 15-9. L’Irlanda tenta il tutto per tutto nell’ultimo quarto fi gara ma la difesa gallese tiene bene – al 69′ una maul avanzante dei Verdi si ferma ad un palmo dalla meta per un’ostruzione, poi è l’indisciplina a costare loro ancora cara. A tre minuti dalla fine, poi, ci pensa Jamie Roberts a chiudere il discorso andando in meta di prepotenza sotto i pali avversari – e facendo esplodere il Millennium Stadium. A tempo scaduto, il Galles recupera l’ovale in un raggruppamento ma anziché calciarlo fuori prova un ultimo assalto che si spegne nei 22m irlandesi.

A Cardiff finisce 22-9.

Chi ha festeggiato di più per questo successo gallese, però, è stata l’Inghilterra, perchè adesso i Bianchi sono padroni del proprio destino; un successo sulla Scozia domani all’HQ, infatti, darebbe loro il Titolo (secondo consecutivo), record di vittorie consecutive e la Calcutta Cup, lasciandoli poi in corsa per Grand Slam e Triple Crown che dovranno andare a conquistare a Dublino nell’ultima giornata, sabato prossimo.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s