Sei Nazioni: Scozia, vittoria da grande. Russell e Hogg ispirano, il Galles dura solo un tempo

img_2361_fotor
Alba Ovale – 2017

BT Murrayfield (Edimburgo) – John Barclay, 116esimo giocatore a guidare la Scozia da capitano, non dimenticherà mai questa partita, quella del riscatto, quella che ha mostrato la determinazione scozzese, quella che ha, di fatto, riportato la Scozia tra le grandi del rugby europeo. Perché oggi, ancora di più che contro l’Irlanda nella prima giornata, la Scozia ha messo in campo quello che serviva, non si sono fatti mai condizionare né dalla sconfitta di Parigi, né dalle assenze, né dall’essere andati a riposo in svantaggio.
È la vittoria di tutti, verrebbe da dire, ma sicuramente è la vittoria di questo gruppo, che sotto la guida di Gregor Townsend può soltanto migliorare.

Intanto, resta in corsa sia per il Titolo, sia per la Triple Crown, che potenzialmente potrebbe prendersi a Twickenham nel prossimo turno. Adesso, però, è solo tempo di pensare a quanto successo oggi sul terreno di gioco della Highland Cathedral. Per il resto, ci sarà tempo nelle prossime settimane.

Il primo tempo si chiude con la Scozia sotto 9-13, perché nonostante i Dark Blues siano i primi a passare in vantaggio – col piede di Russell – è il Galles a trovare la via della meta con Liam Williams, che chiude al meglio un’azione in velocità nata da una punizione battuta veloce da Rhys Webb, decisamente uno dei migliori dei suoi.

Halfpenny è ancora perfetto dalla piazzola e i Dragoni, al 24′, conducono 3-10.

Webb, però, è protagonista in negativo al 26′, quando si fa pescare da Matthew Carley – assistente di Lacey – ad ostruire l’intervento dei difensori scozzesi su una ripartenza di Liam Williams; il TMO conferma quanto visto dall’inglese e Lacey assegna una punizione alla Scozia.

Nell’azione successiva Warburton placca alto Price (con Russell che, dalla piazzola, non sbaglia – 6-10) ma poco dopo lo stesso mediano scozzese non rilascia l’ovale – e Halfpenny ringrazia, per il 6-13 al 33′, prima di sbagliare un altro piazzato al 38′.

Nell’ultimo minuto del primo tempo la Scozia va vicinissima alla meta ma trova ‘solo’ un calcio di punizione che Russell, due minuti oltre i canonici quaranta, calcia tra i pali per il 9-13 con cui si chiude il primo tempo.

È nella ripresa, però, che si definisce il capolavoro della Scozia.

Al 43′ i Dark Blues passano a condurre, quando prima Russell, poi Hogg sono splendidi nel ritardare il passaggio di un attimo, quello decisivo che manda fuorigiri il diretto avversario – e bravo anche Huw Jones nella dummy-run. L’ovale arriva a Visser, che fa qualche metro prima di offrire a Seymour l’assist decisivo. Russell trasforma con l’aiuto del palo e si ripete al 55′, portando a sei i punti di vantaggio della Scozia (19-13 al 55′).

La gara resta in equilibrio fino al 66′, quando Russell (man of the match) e Hogg decidono di dare ancora spettacolo e mandare in meta Tim Visser sotto il Main Stand, con due passaggi chirurgici che fanno correre l’ovale fino all’ala degli Harlequins che fa quello che gli riesce meglio, ovvero finalizzare le azioni. Russell è perfetto dalla piazzola e al 67′ la Scozia vola oltre il break (26-13).

Russell al 72′ toglie al Galles le ultime speranze di uscire con almeno un punto dalla Highland Cathedral, mandando tra i pali un piazzato da quasi quaranta metri. La Scozia può festeggiare il secondo successo del suo 6 Nations, mentre per il Galles il sogno di riconquistare il Titolo si spegne qui.

Scozia 29
Galles 13

Score: 6′ Russell cp (3-0), 11′ Halfpenny cp (3-3), 23′ L.Williams m Halfpenny tr (3-10), 29′ Russell cp (6-10), 33′ Halfpenny cp (6-13), 40′ Russell cp (9-13); 43′ Seymour m Russell tr (16-13), 54′ Russell cp (19-13), 66′ Visser m Russell tr (26-13), 72′ Russell cp (29-13)

Scozia: 15. Stuart Hogg 14. Tommy Seymour 13. Huw Jones 12. Alex Dunbar 11. Tim Visser 10. Finn Russell 9. Ali Price 1. Gordon Reid 2. Fraser Brown 3. Zander Fagerson 4. Richie Gray 5. Jonny Gray 6. John Barclay (C) 7. John Hardie 8. Ryan Wilson
Panchina: 16. Ross Ford 17. Allan Dell 18. Simon Berghan 19. Tim Swinson 20. Hamish Watson 21. Henry Pyrgos 22. Duncan Weir 23. Mark Bennett

Galles: 15. Leigh Halfpenny 14. George North 13. Jonathan Davies 12. Scott Williams 11. Liam Williams 10. Dan Biggar 9. Rhys Webb 1. Rob Evans 2. Ken Owens 3. Tomas Francis 4. Jake Ball 5. Alun Wyn Jones (C) 6. Sam Warburton 7. Justin Tipuric 8. Ross Moriarty
Panchina: 16. Scott Baldwin 17. Nicky Smith 18. Samson Lee 19. Luke Charteris 20. Taulupe Faletau 21. Gareth Davies 22. Sam Davies 23. Jamie Roberts

HT: 9-13
Note: 8°C, cielo nuvoloso ma senza pioggia, vento a tratti. Presente in tribuna il First Minister Nicola Sturgeon
Man of the Match: Finn Russell (Scozia)
Spettatori: 67,144 (sold-out)
Arbitro: John Lacey (IRFU)

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s