PRO12: Pivac, “missione compiuta”. Townsend, “dobbiamo essere più precisi”

wayne pivac scarlets
Alba Ovale 2016

Scotstoun Stadium (Glasgow) – “Siamo venuti qui stasera con l’intento di prenderci i quattro punti e di lasciare a secco i Warriors e ci siamo riusciti“, esordisce Wayne Pivac, head coach degli Scarlets, nel post-partita del match vinto dai suoi ragazzi, vero e proprio scontro diretto per la top-four celtica.

Potenzialmente, la vittoria di stasera è importantissima per i playoffs e fino a settimana prossima, quando scenderemo di nuovo in campo, possiamo essere contenti del risultato ottenuto. Si, possiamo dire che stasera abbiamo compiuto la nostra missione. Abbiamo avuto qualche assenza stasera – anche Glasgow, forse con un paio di elementi in più – ma finora durante la finestra internazionale abbiamo vinto tutte le gare e la scorsa stagione abbiamo raccolto il 92% di vittorie. Siamo una squadra forte, in alcune posizioni siamo molto forti anche con le assenze dei nazionali; settimana prossima abbiamo le Zebre in casa, poi Munster e Leinster in trasferta quindi sarà un momento decisivo della nostra stagione se vorremo continuare la rincorsa alla top-four.

Tutto può succedere, la stagione è ancora lunga ma sinceramente preferisco, a questo punto, essere nella top-four e costringere gli avversari ad inseguirci, piuttosto che il contrario. Negli ultimi due anni ci siamo trovati noi nelle condizioni di inseguire e non siamo riusciti poi a completare la rimonta.

Pivac è ovviamente soddisfatto della prestazione dei suoi, ma crede che la partita sia stata vinta al breakdown: “Siamo stati bravissimi a riconquistare l’ovale con un paio di turnover che, nei momenti critici della partita, ci hanno aiutato moltissimo. Ogni volta che siamo entrati nei loro 22m abbiamo sempre messo punti a referto e la meta marcata a due minuti dalla fine del primo tempo credo abbia fatto la differenza, come aver mantenuto la calma quando siamo stati in inferiorità numerica.

gregor townsend piccola
courtesy pic: Ufficio Stampa Glasgow Warriors/glasgowwarriors.org

Gregor Townsend si presenta in sala stampa piuttosto contrariato, dal risultato ma anche dalla prestazione dei suoi. I Warriors hanno pagato carissime le assenze di giocatori-chiave (come Hogg, Dunbar e Seymour, per fare qualche nome) e non sono stati capaci di mettere in campo quanto studiato in settimana, come ha ammesso lo stesso head coach: “Non siamo stati accurati come durante gli allenamenti, non siamo riusciti a giocare la gara che avevamo preparato. Loro ci hanno messo sotto pressione, ma va anche detto che nei primi venti minuti l’atteggiamento del gruppo mi è piaciuto, ho visto l’impegno della squadra, anche nelle fasi statiche. Gli Scarlets hanno reagito benissimo al cartellino giallo, credo abbiano giocato molto bene quando si sono trovati in inferiorità e poi hanno difeso molto bene.

Noi nel secondo tempo ci abbiamo provato, a tornare in partita, ma non siamo stati sufficientemente precisi, abbiamo concesso troppe punizioni all’interno dei nostri dieci metri e non siamo riusciti a cambiare l’inerzia della gara. Va dato merito agli Scarlets, che hanno giocato molto bene; nei punti d’incontro hanno fatto bene, quando si sono trovati a difendere hanno placcato molto bene e James Davies è stato davvero il migliore. Nel secondo tempo siamo riusciti a velocizzare le nostre giocate, ma nel primo tempo loro sono stati bravi a rallentarci. Stasera alcuni ragazzi si sono fatti vedere, ma dobbiamo giocare più come squadra e migliorare, perchè nelle prossime settimane il gruppo di giocatori non cambierà di molto. È una sconfitta pesante, sappiamo che per tornare nella top-four dovremo vincere le prossime gare contro avversari ancora difficili e per farlo dovremo giocare meglio.

Il direttore di gara? Ci siamo trovati qualche volta in questa stagione ad avere qualche decisione contraria ma credo che dovremo concentrarci meglio sulle fasi statiche, dobbiamo guardare a quello che possiamo e dobbiamo migliorare noi.

In chiusura, chiedo a Townsend cosa pensa dell’addio di Simone Favaro – annunciato dal giocatore con un post sulla pagina ufficiale di Facebook – a fine stagione ma ‘Toony’ sceglie di non commentare, perchè “il club non si è ancora espresso ufficialmente, quindi preferisco attendere il comunicato del club.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s