6 Nations Femminile: Scozia, che peccato! Una meta a tempo scaduto regala il successo all’Irlanda

img_0106_fotor
Alba Ovale – 2017

Broadwood Stadium (Cumbernauld) – Le speranze scozzesi di ottenere un risultato positivo al debutto nel 6 Nations svaniscono solo oltre il tempo regolamentare, quando Murphy, centro dell’Irlanda, va in meta di prepotenza sotto i pali delle padrone di casa. La gara finisce in maniera crudele per le Dark Blues che, se alla vigilia si sarebbero forse accontentate di una prestazione ‘gagliarda’ e alla pari, escono dal terreno di gioco frustrate dopo un finale che definire crudele è, purtroppo, eufemistico.

Settimana prossima, contro la Francia, la Scozia sarà chiamata a confermare quanto di buono fatto vedere oggi, ma se Lisa Martin e compagne riusciranno a mettere in campo sempre prestazioni su questo livello, è certo che la vittoria è solo questione di dettagli.

L’Irlanda ha il primo possesso ma è la Scozia a farsi subito pericolosa, conquistando una punizione a metà campo che Martin trasforma in metri preziosi. Vinta la touche, le ragazze scozzesi continuano a spingere, costringendo l’Irlanda a difendersi nei propri 5m. La Scozia va in meta al 4′ con Jade Konkel – c’era anche un vantaggio in corso – brava a trovare il varco giusto col pick-and-go decisivo. Sarah Law dalla piazzola è precisa e la Scozia passa meritatamente in vantaggio (7-0).

L’Irlanda capisce che deve cominciare a spingere e, recuperato l’ovale, passa attraverso le fasi, trovando la meta dopo qualche minuto con il centro Naoupu che va oltre la linea all’altezza della bandierina sotto il Main Stand. Stapleton non riesce a trasformare la marcatura – il calcio dell’apertura è corto – e la Scozia resta in vantaggio.

Le Girls in Green, adesso, alzano – e di molto – il ritmo delle loro giocate ma la difesa scozzese – ottima la prova finora in copertura dell’ala Rhona Lloyd – tiene bene, nonostante qualche difficoltà e un placcaggio mancato che per poco non manda le avversarie in  meta (l’ovale viene tenuto alto, e nell’azione successiva è un in-avanti in fase di costruzione a fermare l’Irlanda).

La gara resta molto intensa, anche se l’Irlanda continua a scegliere la mischia ordinata ogni volta che conquista una punizione – la difesa scozzese è costretta a ricorrere all’indisciplina per fermare Fitzpatrick e compagne – ma trova la seconda meta, quella del vantaggio, al 22′ con Miller, a chiudere un’azione che si sviluppa in orizzontale nei 22m scozzesi finché la difesa delle Dark Blues lascia un varco al largo.

Stapleton fa 0/2 dalla piazzola ma le Girls in Green passano in vantaggio; tocca alla Scozia, adesso, reagire e le ragazze di coach Munro tornano subito a farsi vedere in attacco, aggredendo bene le avversarie al breakdown e guadagnando metri preziosi con un ottimo calcio tattico di Helen Nelson, che ricaccia l’Irlanda nei propri 22m.

Non è un caso che la Scozia torni avanti quando sul cronometro sono passati trenta minuti, e lo fa ancora una volta con una meta nata da qualche fase insistita sui 5m avversari; è ancora Jade Konkel ad andare oltre la linea, stavolta infilandosi tra un nugolo di avversarie. Sarah Law manda a lato la trasformazione, ma si rifà poco dopo da 40 metri a punire una scorrettezza irlandese al breakdown.

La Scozia va a riposo avanti 15-10, al termine di un primo tempo in cui Lisa Martin e  compagne hanno saputo tenere testa alle avversarie in condizioni climatiche piuttosto avverse, con pioggia battente e vento fin dai primi minuti.

Nella ripresa la Scozia continua a fare bene, tenendo l’ovale e costringendo le avversarie a difendersi nella propria metà campo; non ci sono azioni particolarmente pericolose o degne di nota, ma la partita resta sempre interessante. Al 50′ l’Irlanda pareggia, andando oltre la linea alla bandierina con il pilone sinistro Lindsay Peat, con la Scozia che resta in inferiorità – giallo al pilone destro Lindsey Smith; Stapleton e Law mancano due calci – la prima non trasforma, la seconda manda a lato un calcio di punizione da ottima posizione – e il punteggio resta sul 15-15 quando la gara entra nell’ultimo quarto.

Che vede la Scozia ancora in attacco, ancora con grande convinzione ma, purtroppo, senza riuscire a concretizzare la grande pressione perchè, nonostante conquisti due punizioni, sceglie di giocare veloce la prima e di piazzare la seconda, ma Nelson non trova i pali da posizione angolata.

La gara resta in assoluto equilibrio, con entrambe le squadre che meriterebbero di vincere l’incontro e, per quanto si è visto finora, un pareggio sarebbe davvero il risultato più giusto. Il rugby, però, sa essere anche brutale e le speranze della Scozia di ottenere un risultato prestigioso vengono frustrate ben oltre il tempo regolamentare, quando l’Irlanda riesce ad andare in meta sotto i pali con il centro Murphy. Stapleton trasforma, regalando la vittoria (col punto di bonus offensivo) alle ragazze in Verde e infliggendo, allo stesso tempo, un colpo pesantissimo alla Scozia.

Scozia Femminile 15
Irlanda Femminile 22

Score: 4′ Konkel m Law tr (7-0), 11′ Naoupu m (7-5), 22′ Miller m (7-10), 30′ Konkel m (12-10), 36′ Law cp (15-10); 51′ Peat m (15-15), 80′ Murphy m Stapleton tr (15-22).

Scozia Femminile: 15. Chloe Rollie 14. Megan Gaffney 13. Lisa Thomson 12. Lisa Martin (C) 11. Rhona Lloyd 10. Helen Nelson 9. Sarah Law 1. Tracy Balmer 2. Rachel Malcolm 3. Lindsey Smith 4. Emma Wassell 5. Deborah McCormack 6. Karen Dunbar 7. Louise McMillan 8. Jade Konkel
Panchina: 16. Lucy Park 17. Heather Lockhart 18. Katie Dougan 19. Sarah Bonar 20. Jemma Forsyth 21. Jenny Maxwell  22. Lauren Harris 23. Eilidh Sinclair

Irlanda Femminile: 15. Mairead Coyne 14. Niamh Kavanagh 13. Jenny Murphy 12. Sene Naoupu 11. Alison Miller 10. Nora Stapleton 9. Ailsa Hughes 1. Lindsay Peat 2. Leah Lyons 3. Ailis Egan 4. Orla Fitzsimons 5. Marie-Louise Reilly 6. Ciara Griffin 7. Claire Molloy 8. Paula Fitzpatrick (C)
Panchina: 16. Jennie Finlay 17. Ilse Van Staden 18. Ciara O Connor 19. Elaine Anthony 20. Nichola Fryday 21. Mary Healy 22. Claire Mc Laughlin 23. Eimear Considine

HT: 15-10
Note: 5°C, vento freddo e pioggia battente per tutto l’incontro. Rachel Malcolm, all’esordio al 6 Nations, lascia il terreno di gioco in barella per infortunio.
Sin bin: 51′ Lindsey Smith (Scozia)
Player of the match: Jade Konkel (Scozia)
Spettatori:
Arbitro: Aimee Barrett-Theron (SARU)

Advertisements

One thought on “6 Nations Femminile: Scozia, che peccato! Una meta a tempo scaduto regala il successo all’Irlanda

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s