Femminile: Jade Konkel è tornata. E non vuole più fermarsi

Alba Ovale - 2017
Alba Ovale – 2017

BT Murrayfield (Edimburgo) – “Non direi che le avversarie hanno fatto qualcosa meglio di noi. Direi, invece, che hanno sfruttato e capitalizzato al meglio gli errori che noi abbiamo commesso. Abbiamo giocato momenti di buon rugby, in fase difensiva siamo state molto brave ma alcuni errori commessi ci sono costati carissimi.

Abbiamo incontrato Jade Konkel, numero 8 delle Hillhead Jordanhill RFC e della Nazionale scozzese, al termine della gara, giocata sul 4G pitch del BT Murrayfield contro le Murrayfield Wanderers. Una sconfitta che è costata, al club di Glasgow, il titolo di Campione di Scozia, rimasto nella capitale per un’altra stagione. Contando che le Hills si presentavano all’ultima gara stagionale con un punto di vantaggio sulle rivali (che hanno vinto il terzo titolo consecutivo) è una sconfitta che, forse, brucia ancora di più.

Anche perchè, come ha detto Konkel, le Hills hanno davvero giocato un’ottima gara e, secondo la terza linea scozzese, non hanno minimamente sentito, psicologicamente, una presunta inferiorità nei confronti delle avversarie.

Sappiamo che ogni partita è più che in bilico, e siamo sempre pronte alla sfida. Non direi che questo fatto ci abbia messo in difficoltà nella preparazione della gara, anzi piuttosto il contrario. Ogni volta che entriamo in campo, nessuno ha il diritto di batterci, si parte sempre da 0-0 e ogni gara fa storia a sè.

“Quando sei un’atleta, lo sei tutti i giorni tutto l’anno, non solo in allenamento. Personalmente, è stata dura tornare in campo dopo l’infortunio, è stata lunga e ho fatto tutto quello che potevo per tornare a giocare il più in fretta possibile. Ogni volta che esci dal campo, al termine di una partita, sei fisicamente stanca, dopo aver speso tutte le energie; adesso sono stravolta, ma generalmente mi sento benissimo e non avrei voluto essere da nessun’altra parte, oggi, se non in campo a giocarmi questa partita. Esser stata lontano dai campi per tanto tempo non è stato facile, e tornare i condizione non è stata una passeggiata, perchè devi lavorare ancora più duro sia dal punto di vista fisico, sia tecnico.

Jade, prima e, finora, unica giocatrice ‘pro’ di rugby scozzese, dimostra grandissima umiltà perchè quando le chiedo se si sente un esempio da seguire per le sue compagne, cui può insegnare qualcosa, dice subito che “il rugby è uno sport di squadra. Una persona, da sola, non fa la squadra e tutte, tutti hanno qualcosa da imparare e da insegnare agli altri. Abbiamo tante personalità diverse in squadra, che insieme formano il nostro gruppo. Essere una ‘pro’ è una grande esperienza, perchè puoi concentrarti sull’allenamento e nei dettagli, ma quando scendi in campo si gioca in quindici e non importa quale sia la tua professione al di fuori.

Non va dimenticato che Jade è stata l’unica giocatrice scozzese inserita nel XV ideale del 6 Nations 2016 di ScrumQueens, sito di riferimento del rugby femminile, a premiare il suo impatto nella squadra che sta crescendo gara dopo gara. Il 6 Nations 2017 è ormai alle porte e, dopo la delusione contro la Spagna nello spareggio-qualificazione per la prossima WRWC, la Scozia vuole continuare a fare bene e prendersi, finalmente, una vittoria che manca da troppo tempo.

La preparazione al 6 Nations, ad essere sinceri, è già iniziata da qualche tempo con camps e giornate dedicate. Mi aspetto una stagione molto interessante, ci stiamo allenando molto duramente e abbiamo delle nuove ragazze molto brave che sono entrate da poco nel gruppo, come la nostra capitana, Louise McMillan, che ha conquistato il suo primo cap nella gara contro la Spagna. Tutto può succedere e, come ho detto prima per una gara di campionato, anche al 6 Nations si parte sempre da 0-0 e noi faremo tutto il possibile per fare bene. Vogliamo vincere una gara, ma nessuno sa contro chi riusciremo a vincere e se sarà solo una vittoria, o più di una. L’importante è andare in campo e fare tutto il possibile per prenderci la vittoria.”

Advertisements

One thought on “Femminile: Jade Konkel è tornata. E non vuole più fermarsi

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s