Femminile: Lisa Martin, “il livello del rugby scozzese sta crescendo a vista d’occhio”

img_9983_fotor
Alba Ovale – 2017

BT Murrayfield (Edimburgo) – “Ogni anno, ci sono miglioramenti, tutte le ragazze crescono e la competizione in campionato diventa maggiore, perchè la crescita si vede non solo dal punto di vista della preparazione fisica, ma anche dal punto di vista della tecnica. Se consideriamo quante giocatrici del gruppo della Scozia erano in campo oggi in questa gara possiamo avere un’idea del grande lavoro che Shade Munro e il suo staff stanno facendo dietro le scene. Il risultato è stata una bella partita, una vetrina per il rugby femminile scozzese ed è stato fantastico avere questa opportunità. Queste sono le gare che ci dà soddisfazione giocare, sono le gare che vogliamo giocare, gare dal risultato sempre in equilibrio, molto fisiche, che ci permettono di dimostrare, sotto pressione, il nostro valore come giocatrici e come squadra.

Non si può darle torto, perchè se è vero che va comunque elogiato quanto fatto da Jules Maxton, in condizioni piuttosto difficili, da quando Munro ha preso la guida tecnica della Scozia i progressi si sono visti, gara dopo gara, e l’impressione è che, se le ragazze in Dark Blue avessero avuto almeno altri sei mesi per preparare la sfida con la Spagna, il risultato sarebbe stato molto diverso.

È stata una partita molto equilibrata, specialmente nel primo tempo. Entrambe le squadre volevano vincere per prendersi il titolo e sono scese in camp per giocarsi la partita. Credo che uno dei fattori decisivi siano stati i turnover, nel nostro reparto dei trequarti abbiamo ragazze molto brave e reattive e credo che sia lì dove abbiamo vinto la partita. Non saremmo state in grado di vincere la gara, comunque, senza il grandissimo lavoro che il nostro pack ha svolto fin dall’inizio. Abbiamo avuto qualche problema in mischia ordinata all’inizio ma sono state bravissime a risolverlo subito e, generalmente, hanno semplificato di molto il lavoro dei trequarti. Quando hai un pack che gioca così, la nostra vita è molto più facile!

Le Murrayfield Wanderers hanno conquistato ieri il terzo successo consecutivo in BT Women’s Premier League e in aprile, quando molto probabilmente sfideranno ancora le Hills nella finale di Sarah Beaney Cup, potrebbero prendersi il terzo ‘double’ consecutivo.

Noi prepariamo tutte le gare con l’obiettivo di vincere e questo atteggiamento ci permette di mantenere alta l’attenzione. Da quando è finita la gara di settimana scorsa, ci siamo subito focalizzate su questa lavorando sia sui nostri punti di forza, sia su quelle che abbiamo identificato come debolezze e oggi siamo scese in campo concentrate e convinte di poter vincere la gara. Sono molto contenta che, alla fine, il risultato ci abbia premiate.

In chiusura, due parole ‘introduttive’ – avremo modo di parlare con Lisa e le altre protagoniste in maniera più approfondita nelle prossime due settimane – sul 6 Nations, che comincerà per la Scozia venerdì 3 febbraio a Cumbernauld contro l’Irlanda.

Il nostro obiettivo al momento è la prima gara del Torneo, contro l’Irlanda. Dobbiamo pensare gara per gara, fortunatamente apriamo il 6 Nations in casa e potremo costruire il ‘momentum’ per scendere in campo e dare il tutto per tutto. Dobbiamo partire col botto, abbiamo fatto bene alcune cose nell’ultima gara contro l’Irlanda, l’ultima del 6 Nations dello scorso anno, nelle due partite contro la Spagna si sono potuti vedere i progressi che abbiamo fatto, individualmente e come gruppo e dobbiamo ripartire da qui.”

Settimana prossima la Scozia femminile (che starà a Londra per un camp di 5 giorni pre-6 Nations) giocherà l’ultimo warm-up test contro le Harlequin Ladies.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s