PRO12: Warriors, adesso serve continuità

img_9764_fotor
Alba Ovale – 2016

BT Murrayfield (Edimburgo) – “Siamo molto contenti di aver vinto, dopo tre sconfitte consecutive contro Edimburgo e visto dove eravamo a metà primo tempo, quando siamo stati troppo indisciplinati; vincere con tredici punti di margine con queste premesse è un buon risultato. Nei primi venti minuti non siamo riusciti a mettere in campo il gioco che volevamo, per nostri errori ma soprattutto per quanto fatto da Edimburgo.

Gregor Townsend, head coach dei Glasgow Warriors, ha analizzato il derby vinto contro Edimburgo, ultima gara casalinga dei Gunners al BT Murrayfield prima del trasloco al Myreside.

Toony ha visto “una bella partita, davanti ad un avversario difficile – alcuni giocatori di Edimburgo sono stati eccellenti – e un pubblico molto numeroso, ma non dobbiamo dimenticare che è la prima di tre gare in Guinness PRO12 prima di tornare a pensare alla Champions Cup. Mi aspetto una partita molto dura sabato contro il Benetton Treviso, vengono da tre successi di fila, stanno giocando molto meglio questa stagione e hanno giocatori molto forti fisicamente e non solo nel reparto avanzato.

L’head coach dei Warriors, il prossimo head coach della Scozia, ha un’idea precisa di quando la partita abbia preso la svolta dalla parte dei Glaswegians: “Penso che la svolta della gara, per noi, sia stata il cartellino giallo preso da Alex Allen (che al 21′ ha pagato un po’ per tutti, dopo che Ian Davies aveva già richiamato capitan Jonny Gray); dopo quel momento, abbiamo giocato i dieci minuti migliori della nostra partita, passando attraverso le fasi, tenendo la palla e guadagnando metri costringendo loro a concedere punizioni. Ci siamo portati quella fiducia anche nel secondo tempo e siamo stati capaci di mettere punti a referto e vincere la gara.

Il drop di Russell (il primo in carriera per l’apertura dei Warriors)? È stata una gran cosa, perchè è entrato”, scherza Townsend, che ha vestito la maglia numero 10 della Scozia e dei B&I Lions. “Io non l’ho mai fatto, non ho mai deciso di calciare una punizione scegliendo il drop; solo con le trasformazioni, a volte può capitare. Finn è un ragazzo cui non piace perdere molto tempo per sistemare l’ovale sul tee (ride) ma, dopo aver sbagliato un calcio poco prima per colpa anche del vento, ha mostrato coraggio e determinazione.

Difesa e maul sono stati aspetti in cui abbiamo fatto molto bene, voglio sottolinearlo e nell’azione della meta di Dunbar abbiamo tenuto l’ovale per almeno trenta fasi prima di schiacciarlo oltre la linea e questo denota una certa organizzazione, controllo e pazienza prima di trovare il varco giusto. Ha mostrato anche tranquillità, perchè dopo qualche fase qualcuno poteva stancarsi e pensare all’azione personale, anziché insistere come invece abbiamo fatto. Marcare quella meta ha fatto la differenza; abbiamo fatto molte buone cose, ma dobbiamo lavorare sui dettagli, la mancanza di precisione ci è costata cara perchè avremmo potuto marcare qualche meta in più e prenderci il bonus offensivo.

Alex Dunbar, centro dei Glasgow Warriors racconta così la seconda meta dei Warriors, che porta la sua firma: “Abbiamo tenuto la palla per molte fasi, siamo stati bravi a non perderla rimanendo concentrati sotto pressione e riuscendo ad andare oltre la linea all’angolo. Siamo stati cinici, abbiamo messo punti a referto quasi ogni volta che abbiamo avuto l’occasione; forse non siamo stati costanti, ma quando abbiamo avuto il momento opportuno l’abbiamo sfruttato. Dobbiamo lavorare sulla consistenza, sul cercare di mantenere vivo quel momento più a lungo.”

“Questo successo è importante ma adesso dobbiamo continuare così, prendendoci qualche vittoria nelle prossime gare se vogliamo risalire la classifica. Sabato abbiamo una gara importante contro Treviso che vogliamo affrontare al meglio.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s