“i Test Match degli altri”: Georgia battuta in casa dal Giappone. Pumas belli ma sconfitti a Cardiff

15547667079_05d31d321b_zAl Principality Stadium di Cardiff, l’Argentina – prossimo avversario della Scozia – sfida un Galles ‘ferito’ dopo la batosta subita settimana scorsa per mano dell’Australia. Il primo tempo, molto equilibrato e combattuto, si chiude con i gallesi avanti 6-3 grazie a due piazzati di Halfpenny che cancellano il vantaggio iniziale dei Pumas, passati a condurre con un calcio di Sanchez. I Pumas, che finiscono in inferiorità dopo il giallo rimediato da Herrera che paga per le numerose scorrettezze della squadra nel tentativo di fermare l’avanzata avversaria.

Nella ripresa la gara si accende subito. Liam Williams marca la prima meta del match, sfruttando il bel break di Dan Biggar, prima che Hernandez accorci le distanze – Halfpenny manca la trasformazione, Sanchez no e i Pumas si portano sotto di un solo punto, 11-10. Il mediano di mischia gallese, Davies, trova la seconda meta del match, stavolta trasformata da Halfpenny, e il Galles scappa oltre il break, prima che il suo dirimpettaio, Landajo, vada nuovamente oltre la linea. Sanchez trasforma ancora (18-17), ma il Galles allunga dalla piazzola con Halfpenny, cui risponde ancora Sanchez. Negli ultimi cinque minuti la gara è assolutamente in equilibrio, prima che un piazzato di Halfpenny – a punire una scorrettezza argentina al breakdown – al 78′ chiuda i giochi.
A Cardiff finisce 24-20 per il Galles.

Argentina: 15 Joaquín Tuculet, 14 Matías Moroni, 13 Matías Orlando, 12 Juan Martín Hernández, 11 Ramiro Moyano, 10 Nicolás Sánchez, 9 Martín Landajo, 8 Facundo Isa, 7 Javier Ortega Desio, 6 Pablo Matera, 5 Matías Alemanno, 4 Guido Petti, 3 Ramiro Herrera, 2 Agustín Creevy (C), 1 Lucas Noguera
Panchina: 16 Julián Montoya, 17 Santiago García Botta, 18 Enrique Pieretto, 19 Leonardo Senatore, 20 Tomás Lezana, 21 Tomás Cubelli, 22 Santiago Gonzalez Iglesias, 23 Santiago Cordero

La Georgia, che sfiderà la Scozia al Rugby Park di Kilmarnock il prossimo 26 novembre, è uscita sconfitta oggi nel match giocato a Tbilisi contro il Giappone.

I Brave Blossoms hanno dovuto faticare per avere la meglio degli avversari, con il pack che si è confermato il punto di forza dei georgiani. Il Giappone si porta sull’8-0 in avvio, andando però a riposo sotto 12-8 per le mete di Viktor Kolelishvili e Vasil Lobzhanidze.

Nella ripresa è ancora il Giappone a marcare per primo, ma la Georgia trova un break con la meta di Beka Bitsadze e il piede di Merab Kvirikashvili, entrando nell’ultimo quarto di gara avanti 22-13. I georgiani, però, si fermano qui; il Giappone mette a segno il parziale decisivo (0-15) con le mete di Lemeki (doppietta per lui) e Kenki Fukuoka. Il piede di  Tamura fissa il risultato sul 22-28 con cui si chiude la gara.

Georgia: 15 Merab Kvirikashvili, 14 Tamaz Mchedlidze, 13 Davit Kacharava, 12 Merab Sharikadze, 11 Giorgi Aptsiauri, 10 Lasha Khmaladze, 9 Vasil Lobzhanidze, 8 Beka Bitsadze, 7 Viktor Kolelishvili, 6 Mamuka Gorgodze (C), 5 Giorgi Nemsadze, 4 Konstantin Mikautadze, 3 Levan Chilachava, 2 Jaba Bregvadze, 1 Mikheil Nariashvili
Panchina: 16 Badri Alkhazashvili, 17 Vasil Kakovin, 18 Davit Kubriashvili, 19 Lasha Lomidze, 20 Giorgi Tkhilaishvili, 21 Giorgi Begadze, 22 Lasha Malaguradze, 23 Anzor Sitchinava

 

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s