“il PRO12 degli altri”: Munster facile sulle Zebre. Ulster vince ancora e resta in vetta

img_8199_fotor
Credit: Jason O’Callaghan

Thomond Park (Limerick) – Munster arriva al derby dell’Aviva Stadium di settimana prossima, contro Leinster, sulla scorta di una netta vittoria raccolta in casa contro le Zebre. Davanti ad un pubblico poco numeroso, la Red Army impiega poco più di mezz’ora per prendersi il punto di bonus offensivo – in totale, gli irlandesi marcano sette mete, di cui una tecnica, tutte trasformate – contro il XV del Nord Ovest che dopo le buone prestazioni nelle ultime uscite, fa almeno tre passi indietro, ripresentando gli stessi problemi di sempre.

Mai in controllo dell’azione, sempre messi sotto pressione per placcaggi sbagliati e letture poco attente delle fasi di gioco, grosse difficoltà in touche e al breakdown, difesa troppo tenera da penetrare per gli avversari, insomma nella gara di sabato a Limerick le Zebre non sono mai state capaci di mettere in difficoltà Munster e, anzi, nonostante contino numerosi caps, appaiono più intimorite del direttore di gara, il gallese Jones, alla sua prima assoluta in PRO12.

Munster va in meta dopo due minuti con Sweetnam (votato man of the match) evidenziando subito i problemi difensivi della franchigia italiana. Le Zebre provano a scuotersi, ma Canna manca un piazzato da buona posizione e Venditti, al 19′, intercetta un passaggio ‘svogliato’ di Earls ma non riesce a superare i 22m avversari perchè gli mancano fiato e gambe e si fa recuperare dalla difesa irlandese, prima che da una touche nasca la seconda meta della Red Army. Conor Murray recupera l’ovale dalla maul e si infila tra due avversari andando in tuffo oltre la linea al 22′. Bleyendaal trasforma ancora per il 14-0.
Al 31′ arriva la meta del bonus, al termine di un’azione strepitosa, impreziosita da un intercetto, diversi offload e il bellissimo passaggio al piede di Conor Murray per Simon Zebo. Lo utility back irlandese controlla col piede, portandosi l’ovale oltre la linea e schiacciandolo (per la nona volta, nelle ultime sette gare) nell’area di meta italiana. Gli irlandesi erano andati per la terza volta oltre la linea di meta italiana con CJ Stander, che intercetta un goffo tentativo di calcio di avanzamento di Canna andando a recuperare l’ovale e schiacciandolo sotto i pali. Bleyendaal fa 4/4 dalla piazzola; non succede più molto – va registrata un’azione multifase delle Zebre che si ferma sui 5m avversari – e le due squadre vanno a riposo sul 28-0.

La ripresa si apre come si era chiuso il primo tempo, ovvero con Munster in controllo della gara. Al 52′ l’arbitro si consulta col suo collaboratore prima di mostrare il giallo a Koegelenberg e assegnare la meta tecnica a Munster per placcaggio di Sweetnam, che aveva calciato l’ovale per se stesso e stava andando a recuperarlo. Keatley, entrato da poco in campo, trasforma facilmente per il 35-0.

Poco prima di uscire, Castello salva un’altra meta andando a placcare Murray sull’ala sinistra d’attacco ma le Zebre non riescono più a scrollarsi gli avversari di dosso.
C’è ancora tempo per due mete irlandesi  – al 62′, Archer è servito da un ottimo passaggio di Keatley, che si infila nella difesa italiana prima di scaricare sul compagno,  e al 78’CJ Stander fa ancora in tempo a mettere a segno la personale doppietta servito da un bell’offload del neoentrato Duncan Williams.
Le Zebre possono sorridere solo al 71′, perché la meta di Gabriele Di Giulio (per il temporaneo 42-5) è la prima messa a segno in quattro gare giocate in Irlanda, più di 310′ di astinenza. Canna non trasforma e la gara si chiude sul 49-5.

Negli altri campi, Ulster continua la sua corsa in vetta alla classifica grazie al sofferto successo (9-7) in casa contro gli Ospreys, mentre Leinster vince a Cardiff (13-16, dopo essere andato a riposo sotto 13-3). Il Benetton Treviso conferma le belle cose mostrate finora cedendo però agli Scarlets a Monigo (6-22, ma i gallesi marcano due mete negli ultimi minuti di gioco).

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s