Pro12: Edinburgh al Myreside, partito il conto alla rovescia

Myreside plan Edinburgh Rugby
Alba Ovale – 2016

Edimburgo – Con l’incontro aperto al pubblico tenutosi oggi al Myreside Pavillion, Edinburgh Rugby ha ufficialmente fatto partire il conto alla rovescia verso il trasloco nella nuova casa del Myreside.

Dopo le polemiche delle ultime settimane, con volantini consegnati casa per casa da parte di un manipolo di “dissidenti”, i Gunners – con il Managing Director Jonny Petrie – hanno oggi spiegato i piani studiati “professionalmente”, come ha voluto ribadire Petrie, per fare in modo che il trasferimento di Edinburgh Rugby da Roseburn alla vicina Colinton scorra il più liscio possibile.

“Abbiamo studiato tutte le soluzioni possibili e siamo convinti che quella scelta sia la migliore”, ha detto Petrie, dopo aver escluso Meggetland (“non avrebbe mai raggiunto la capienza da noi richiesta”), Goldenacre (“l’impianto di illuminazione è insufficiente e la zona è ancora più residenziale”) e i due stadi del calcio (“il campo del Tynecastle è troppo piccolo, mentre Easter Rd è una soluzione che non avevo proposto io. Poi, francamente, siamo un rugby club e volevamo mantenere questa identità”).

Via dunque all’operazione Myreside, che partirà ufficialmente settimana prossima con la presentazione del piano dei lavori al Council per l’approvazione, innescando un iter che dovrebbe durare circa due mesi.

La prima gara al Myreside si giocherà il 7 gennaio, contro Munster, e aprirà il periodo di prova di sei mesi. “I nostri accordi con i Watsonians sono, al momento, solo per i sei mesi di prova. Al termine del test, tireremo le somme. Gli stand temporanei porteranno la capienza del Myreside a 6mila spettatori e se dovessimo restare, pensiamo di aumentarla ma non oltre le settemila unità. Abbiamo già giocato qui, è uno stadio che quando è pieno sa regalare emozioni”, ha detto Petrie.

La stagione di Edinburgh Rugby comincia venerdì dal BT Sport Cardiff Arms Park contro i Blues; difficile che i gallesi, quest’anno, falliscano l’obiettivo top-six, nonostante la Guinness Pro12 2016/17 si presenta molto equilibrata. Difficile, allo stesso modo, che i Gunners riescano a tornare “nell’Europa che conta”. Solomons ha detto che la stagione “è una maratona”, e credo abbia ragione. Vedremo cosa succederà, intanto per i Gunners il futuro potrebbe cominciare proprio il 7 gennaio.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s