Pro12: Edinburgh vicino all’impresa a Llanelli. Connacht vince a Newport e torna in vetta, Warriors sconfitti a Belfast da Ulster

Screen Shot 2016-02-12 at 21.20.38Belfast è amara per i Warriors che non riescono a regalarsi una gioia nove mesi dopo il trionfo in Guinness Pro12 raccolto proprio al Kingspan Stadium.

I Warriors chiudono avanti 3-5 il primo tempo grazie alla meta di Lee Jones al 9′; Ulster torna in partita con un calcio di Pienaar che, dopo aver fallito un piazzato in avvio di gara e prima di lasciare il campo per un colpo alla testa, al 22′ riporta sotto i suoi.

Nella ripresa i Warriors non riescono a scavare il solco decisivo, subendo un break di 0-10 grazie alla meta di Callum Black al 52′ e al piede di Paddy Jackson che, di fatto, decide il match. Sotto 13-5, i Glaswegians riescono comunque a non mollare trovando la meta del punto di bonus difensivo con Taqele Naiyaravoro a tempo scaduto e sotto di un uomo – Wilson era nel sin bin.

A Belfast, Ulster batte i Warriors 13-10.

Edinburgh non riesce a rompere il tabù-trasferta ed esce sconfitto dal Parc y Scarlets di Llanelli al termine di una gara equilibrata e decisa dalla migliore lettura dei momenti-chiave dei gallesi.

Gli Scarlets potrebbero già andare in meta nella primissima azione della gara; calcio lungo di Shingler che scavalca Ben Toolis – un po’ fuori posizione – e serve DTH van der Merwe che legge alla perfezione le intenzioni della sua apertura, raccogliendo l’ovale e fermandosi solo ad una manciata di metri dalla linea grazie al recupero disperato della difesa di Edinburgh. Cinque minuti dopo, comunque, gli Scarlets vanno in meta con il numero 8 Allen che parte da quasi trenta metri infilando Hoyland – colpevole l’ala nel mancato placcaggio – prima di andare a schiacciare l’ovale oltre la linea. Shingler trasforma per il 7-0 e la gara si spegne poco dopo, anche a causa delle condizioni tutt’altro che perfette del terreno di gioco – oltre all’attitudine ‘conservativa’ di entrambe le squadre. I Gunners vanno a riposo sotto 13-3 (ad Aled Thomas, subentrato a Shingler, risponde Fowles dalla piazzola, con il mediano scozzese che spedisce sul palo l’ultimo calcio della prima frazione).

Nella ripresa la gara non decolla e ci pensano ancora i calciatori a mettere punti a referto, alternandosi dalla piazzola, ma Edinburgh sembra la squadra migliore e, nonostante vada sotto 19-6, riesce a trovare la meta che riaccende le speranze attorno all’ora di gioco con Du Preez che si infila tra due avversari prima di andare in tuffo oltre la linea. Tonks spreca malamente l’occasione di portare i suoi sotto il break mancando la trasformazione da buona posizione ma Edinburgh è ancora vivo e continua a spingere. I Gunners, infatti, trovano la meta del pareggio al 73′ con Alex Toolis a chiudere una fase lunghissima aperta da un calcio nel box di Aled Davies murato da Ben Toolis. Greig Tonks riesce a trovare una trasformazione da posizione molto angolata, riscattando l’errore di qualche minuto prima e mandando avanti i suoi per la prima volta nel match. Il vantaggio dei Gunners dura però lo spazio di un’azione perchè Aled Thomas punisce dalla piazzola una scorrettezza di Turner al breakdown, dando ai suoi il vantaggio di un punto (22-21) con cui si chiude il match. Peccato per Edinburgh, che avrebbe davvero meritato qualcosa di più di un punto di bonus difensivo.

A Llanelli, gli Scarlets vincono 22-21 su Edinburgh Rugby.

Nell’altra gara di serata, tutto facile per Leinster che supera le Zebre 52-0 alla RDS Arena portandosi ad un solo punto dalle due capoliste – Connacht e Ulster – e a pari punti degli Scarlets, ma con una gara da recuperare. Sono 8 le mete messe a segno dai Dubliners, con otto firme diverse. Per la franchigia italiana, una serata da dimenticare e la conferma che senza i nazionali è difficile competere con le migliori squadre europee.

Ieri sera Connacht è andato a prendersi vittoria e punto di bonus offensivo contro i NG Dragons a Newport; la meta del bonus arriva al 68′ a firma di Bundee Aki e viene trasformata dal man of the match Ronaldson.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s