Champions Cup: Warriors, a Parigi serve solo una vittoria

New Zealand Dan Carter (2)
Dan Carter e’ uno degli ostacoli che i Warriors troveranno sabato sulla propria strada (Credit: Jason O’Callaghan)

Il doppio successo ottenuto sugli Scarlets ha in qualche modo riaperto uno spiraglio ai Glaswegians che, pero’, devono vincere le prossime tre gare per conquistare uno storico passaggio ai quarti della massima competizione europea, partendo dalla quasi proibitiva trasferta di Colombes contro il Racing 92.

La gara, inizialmente in programma come primo round di Champions Cup, e’ il recupero del match non giocato lo scorso novembre dopo i tragici fatti di Parigi; il rinvio costringe le squadre coinvolte ad un vero e proprio ‘tour de force’ con tre gare di altissimo livello in tre settimane che decideranno buona parte della loro stagione.

I Warriors arrivano alla sfida, come detto, dopo due sconfitte patite in Pro12 e col morale basso, anche perche’ le sconfitte sono maturate dopo prestazioni decisamente sotto la soglia della sufficienza – forse, come ha detto Townsend, solo nel primo tempo della seconda gara i Warriors hanno mostrato qualche miglioramento. Sara’ la prima sfida tra le due squadre in assoluto, ma il Racing (che allora aveva ancora Metro nel suo nome) ha vinto le ultime due gare giocate contro un avversario scozzese, Edinburgh Rugby nella vecchia Heineken Cup 2012/13.
Il ruolino europeo dei Warriors contro avversarie francesi non e’ invidiabile, perche’ registra solo due vittorie – raccolte entrambe lo scorso anno a spese del Montpellier-Herault – e tredici sconfitte, ultima quella casalinga contro lo Stade Toulousain nel dicembre 2014 (completa il quadro un pareggio).

Dopo dodici gare disputate in Top14, il Racing guida la classifica con 38 punti, con nove vittorie – ultima in casa contro il Bordeaux-Begles nella prima gara del 2016, un pareggio e due sconfitte; i Warriors, invece, navigano a meta’ classifica di Pro12 con 27 punti, con cinque vittorie e cinque sconfitte nei dieci incontri disputati – uno, quello contro Leinster, e’ stato rinviato a marzo.

Fare un pronostico e’ sempre difficile, ma dopo la delusione dello scorso anno, quando un calcio piazzato di Marcelo Bosch da meta’ campo e a tempo ampiamente scaduto ha negato ai francesi l’accesso alle semifinali, questa stagione il Racing 92 ha una squadra che puo’ davvero competere per il trofeo. I Warriors, dopo la vittoria del Pro12 dello scorso anno, hanno approcciato la stagione con qualche problema di troppo.

Al Racing serve una vittoria per mantenere la vetta della Pool 3, ai Warriors un successo potrebbe non bastare, ma una sconfitta chiuderebbe, con due gare di anticipo, la loro campagna europea.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s