Scotland Women: Italia troppo forte, adesso serve un’impresa

Schermata 2013-04-20 alle 15.46.57

L’Italia si è dimostrata un cliente troppo scomodo per la Scozia femminile, battuta 27-3, e le ragazze di coach Karen Findlay, adesso, devono sperare in un miracolo per centrare la qualificazione ai prossimi mondiali di categoria, in programma in Francia.

La gara di Madrid, disputata sotto un sole a picco, ha visto la prestazione scozzese nettamente migliorata rispetto alla vittoria di sabato ma contro questa Italia, precisa, concentrata, chirurgica nelle ripartenze e determinata nella pressione ad ogni raggruppamento, non c’è stato nulla da fare. La Scozia ha tenuto testa alle Azzurre fino alla fine del primo tempo, quando le due mete dell’estremo italiano, Furlan, nate entrambe da ripartenze fulminanti, hanno messo Susie Brown e compagne in ginocchio; nella ripresa l’Italia ha continuato nella sua performance e le scozzesi, nonostante la grande mole di gioco, non sono state quasi mai pericolose. Anzi, l’Italia ha trovato la terza meta con Barattin pur essendo in inferiorità numerica.

Adesso alla Scozia serve una vittoria con bonus contro la Svezia, nella gara di sabato e, dando per scontata la vittoria della Spagna contro l’Olanda, le Blues devono sperare che le spagnole si ripetano contro l’Italia, che però non deve fare nemmeno il punto di bonus difensivo. Insomma, per la Scozia sembra vicina la prima esclusione da una fase finale della Coppa del Mondo della sua storia.

Ecco il commento della gara (apparso su DotRugby)

L’Italia di coach Di Giandomenico compie un passo forse decisivo verso la qualificazione alla prossima Coppa del Mondo femminile, in programma in Francia il prossimo anno, battendo nettamente la Scozia nello scontro diretto tra squadre del 6 Nazioni. A Madrid, sotto un caldo sole, le Azzurre si sono imposte per 27-3 e, nonostante non siano riuscite a centrare il punto di bonus offensivo, hanno dimostrato di essere superiori alle avversarie, giocando una gara ordinata in fase difensiva e battendo la pur attenta difesa scozzese con ripartenze letali e giocate veloci nei momenti-chiave, con la mediana di mischia, Barattin, che si è meritata la palma di “player of the match”. Nell’ultima giornata le Azzurre sfideranno la Spagna padrona di casa, mentre la Scozia dovrà vincere contro la Svezia e sperare in una vittoria spagnola, senza bonus difensivo per l’Italia, per conquistare la qualificazione ai mondiali, che finora non ha mai mancato. L’Italia è subito pericolosa con Sillari che guadagna una punizione grazie ad un’incursione in velocità sulla fascia sinistra; Barattin batte veloce ma la Scozia è ancora indisciplinata, a pochi metri dalla linea di meta e l’Italia sceglie di calciare. Tuttavia, il calcio dell’apertura azzurra, Schiavon, finisce sul palo e la Scozia può alleggerire la pressione con la liberazione di Griffiths. L’Italia passa però in vantaggio all’11’ grazie ad un piazzato di Schiavon, che decide di andare per i pali dopo una bella azione in cui le Azzurre hanno aumentato la pressione sulla difesa scozzese, costringendo le Blues ad un’entrata laterale dopo l’avanzamento con un’ottima maul. Tuttavia, nonostante l’Italia pressi molto e la Scozia, tra qualche difficoltà, difenda bene, le Blues trovano il pareggio con la loro prima, vera azione offensiva della gara. Il buon lavoro in touche consente a Griffiths di impostare l’azione che viene interrotta sui 22m difensivi da un fallo della difesa italiana. Dalgliesh decide di calciare e il mediano di mischia è preciso al piede, riportando la Scozia in parità. Negli ultimi minuti della prima frazione la Scozia sembra aver guadagnato maggiore fiducia e prova a spingere, ma l’Italia trova due mete con Manuela Furlan, la prima dopo l’ottimo lavoro in una ruck con le Azzurre velocissime a risalire il campo alla mano dopo il turnover, azione avviata da Barattin, la seconda ancora in velocità sulla fascia destra dopo aver vinto la mischia chiusa a metà campo, concessa all’Italia dopo che il drop di ripresa del gioco di Griffiths non ha superato la linea dei 10m. Schiavon è perfetta in entrambe le occasioni con la trasformazione e l’Italia chiude il primo tempo avanti 17-3. Nella ripresa, la Scozia non parte con l’acceleratore premuto, anche perché l’Italia resta concentrata e continua a mettere pressione nei raggruppamenti, e ripartendo velocemente dopo ogni turnover, tanto che sono proprio le Azzurre a muovere ancora il tabellino; Barattin è brava a battere velocemente una punizione dentro i 22m scozzesi e a costringere le avversarie ad una nuova irregolarità, che manda Schiavon dalla piazzola e costa a O’Donnell il giallo. Sul 20-3 le Azzurre si ritirano un po’, lasciando campo agli attacchi della Scozia che, però, non riesce mai ad essere pericolosa; troppo lente le giocate delle Blues, che non riescono mai a servire palloni alle proprie trequarti. La Scozia crea qualche problema all’Italia con un paio di maul, che portano però solo al giallo di Gai per tre scorrettezze continue al breakdown. La superiorità dell’Italia viene ancora premiata dalla seconda “magia” di Barattin che, conquistato l’ovale a metà campo, calcia per se stessa in profondità e recupera l’ovale a pochi metri dalla linea di meta, prima di andare a schiacciare vicino ai pali la marcatura che chiude, virtualmente, il match. Schiavon trasforma ancora e adesso le Azzurre, che sono ancora in quattordici, conducono 27-3. La Scozia, pur non essendo mai riuscita ad entrare in partita, ha quantomeno il pregio di non mollare, neanche quando, entrati nell’ultimo quarto di gara, servirebbe un’impresa per risalire la china in cui il “cinismo” delle italiane le ha fatte sprofondare. Le scozzesi ci provano fino alla fine ma la difesa italiana è attenta e la gara si chiude senza ulteriori variazioni al tabellino, con l’Italia che ora è ad un passo dalla qualificazione.

Italia 27
Scozia 3

Score: 11′ Schiavon cp (3-0), 25′ Dalgliesh cp (3-3), 37′ Furlan m Schiavon tr. (10-3), 40′ Furlan m Schiavon tr. (17-3); 47′ Schiavon cp (20-3), 61′ Barattin m Schiavon tr. (27-3).

Italia: 15 Manuela FURLAN (Benetton Treviso) 14 Michela SILLARI (Rugby Colorno) 13 Maria Grazia CIOFFI (Red&Blu Rugby) 12 Paola ZANGIROLAMI (Valsugana Rugby Padova) (C) 11 Maria Diletta VERONESE (Valsugana Rugby Padova) 10 Veronica SCHIAVON (Sitam Riviera del Brenta) 9 Sara BARATTIN (Rugby Casale) 8 Flavia SEVERIN (Benetton Treviso) 7 Cecilia ZUBLENA (Sassenage Isere) 6 Ilaria ARRIGHETTI (Rugby Monza 1949) 5 Alice TREVISAN (Sitam Riviera del Brenta) 4 Cristina MOLIC (Sitam Riviera del Brenta) 3 Lucian GAI (Sitam Riviera del Brenta) 2 Melissa BETTONI (Sassenage Isere) 1 Marta FERRARI (Sitam Riviera del Brenta)
Panchina:16 Debora BALLARINI (Mustang Rugby Pesaro) 17 Awa COULIBALY (Rugby Monza 1949) 18 Sara ZANON (Benetton Treviso) 19 Alessia PANTAROTTO (Sitam Riviera del Brenta) 20 Elisa GIORDANO (Valsugana Rugby Padova) 21 Claudia TEDESCHI (Red&Blu Roma) 22 Michela TONDINELLI (Benetton Treviso) 23 Sofia STEFAN (Valsugana Rugby Padova)

Scozia: 15 Katy Green (Darlington Mowden Park) 14 Sarah Dixon (RHC Cougars) 13 Annabel Sergeant (Richmond) 12 Gillian Inglis (Melrose) 11 Megan Gaffney (Hillhead Jordanhill) 10 Tanya Griffith (RHC Cougars) 9 Louise Dalgliesh (RHC Cougars) 1 Heather Lockhart (Hillhead Jordanhill) 2 Lindsey Smith (Hillhead Jordanhill) 3 Tracy Balmer (Worcester) 4 Lindsay Wheeler (Richmond) 5 Becca Parker (Hillhead Jordanhill) 6 Jade Konkel (Hillhead Jordanhill) 7 Tess Forsberg (Richmond) 8 Susie Brown (Richmond) (c) Panchina 16 Suzy McKerlie-Hex (Murrayfield Wanderers) 17 Nikki McLeod (Morgan) 18 Beth Dickens (Murrayfield Wanderers) 19 Bridget Millar-Mills (Worcester) 20 Samantha Beale (Hillhead Jordanhill) 21 Sarah Law (Murrayfield Wanderers) 22 Lisa Martin (Murrayfield Wanderers) 23 Lyndsay O’Donnell (Worcester)

NOTE 1°tempo: 17-3 Calci: Italia 5/7 (Schiavon 5/7, cp 2/4 tr 3/3); Scozia 1/1 (Dalgliesh 1/1 cp 1/1) Sin bin: 46′ O’Donnell (Scozia), 53′ Gai (Italia)

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s