6 Nations: Kelly Brown crede nella sua Scozia

IMG_0265Edimburgo – Kelly Brown, capitano della Scozia, ha confermato nella conferenza stampa di oggi al Murrayfield (tenuta nella inedita location del Ginger Grouse Bar, uno degli sponsor del rugby scozzese,  situato all’esterno del North Stand) che la Scozia “se riuscirà a stare concentrata e non sbagliare mai nei quattro fondamentali, come abbiamo fatto con l’Italia ma possibilmente anche migliorando quella prestazione” ha tutte le carte in regola per vincere il 6 Nazioni.

Siamo tutti concentrati sulla gara di domenica. Ovviamente, non posso parlare per tutto il gruppo, dal punto di vista più personale, posso parlare solo per me e posso dire che non vedo l’ora di scendere in campo. Sappiamo che domenica sarà un confronto molto fisico, nonostante loro abbiano molte assenze, ma dobbiamo pensare soprattutto a noi stessi. L’Irlanda ha fatto molto bene, non solo in autunno ma anche contro l’Inghilterra, nonostante la sconfitta. Abbiamo marcato, finora, più mete di quante ne abbiamo fatte negli ultimi anni (sei); questo significa che la nostra fase offensiva è stata efficace, ma adesso dobbiamo migliorare anche e soprattutto nei breakdown e nei placcaggi“.

Poi, Brown trova anche il tempo per un ricordo molto “personale” dell’ultima vittoria scozzese contro l’Irlanda, datata 20 marzo 2010 al Croke Park: “Ricordo benissimo quella gara, davvero benissimo, perchè ho fatto dentro e fuori dal campo un sacco di volte: mi sono rotto il naso in un contrasto e non riuscivamo a farlo smettere di sanguinare! Non era la prima volta, che mi capitava, e non sarà sicuramente l’ultima, ma è incredibile quanto sangue abbia perso quel giorno … Abbiamo fatto una splendida meta, abbiamo sofferto e siamo riusciti a vincere (23-20) con un piazzato di Parks da posizione difficile e allo scadere del match. Ero in campo, quando l’arbitro ha fischiato la fine, un bel momento”. 

Quindi, lo sguardo proiettato alla gara. “Ci siamo concentrati, col coach, su quattro aree, quattro aspetti che riteniamo fondamentali. Uno di questi sono i placcaggi, gli altri non ve li posso svelare, dovete chiedere al coach e se lo vorrà sarà lui a rompere il segreto. Comunque, contro l’Inghilterra abbiamo fatto male in tutti, contro l’Italia posso dire che la prestazione è stata convincente, in tutti i fondamentali. Se restiamo uniti, come squadra, sappiamo che possiamo battere chiunque. Ma adesso pensiamo alla gara di domenica, pensiamo solo all’Irlanda e a costruire sull’ultima vittoria. Giocare in casa, per noi, è fantastico; avere tre partite consecutive al Murrayfield, davanti al nostro pubblico che nell’ultima occasione è stato incredibile, è un vantaggio che dobbiamo essere bravi a sfruttare”.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s